Scarica WikiPharm+, è Gratis!

More nei pagamenti delle farmacie spagnole

Il prolungato ritardo nei pagamenti da parte delle comunità autonome spagnole nei confronti delle farmacie ha contribuito a mettere il settore con le spalle al muro. In Spagna, il debito globale nei confronti delle farmacie si aggira attualmente su 1.100 milioni di euro, secondo l’Observatorio del Medicamento della Federación Empresarial de Farmacéuticos Españoles (FEFE), di cui 362 milioni corrispondono al debito con le farmacie della comunità Valenzana e 302 milioni con quelle della comunità Catalana. In Cataluña la situazione è diventata insostenibile, secondo quanto recentemente annunciato dai professionisti del settore, infatti, la Generalitat ha accumulato ben 120 giorni di ritardo nel pagamento delle medicine con ricetta venduti negli esercizi, ovvero tre mesi in più di quanto staibilito. La mora nei pagamenti ha provocato la chiusura di 14 presidi negli ultimi sette mesi e ben 267 soffrono di una situazione economica compromessa. Dopo la comunità Valenzana e Catalana, la terza autonomia maggiormente impattata dai ritardi nei pagamenti è quella delle Canarie, con un debito nei confronti delle autorità governative pari a 110 milioni di euro. Secondo la Sociedad Española de la Farmacia Comunitaria, ci sono problemi anche in Galizia, dove il collegio farmaceutico ha sottoscritto una polizza per gestire i ritardi; ad Aragona, dove le farmacie vengono pagate a 50 giorni; nelle Baleari, che hanno recentemente percepito il 60 per cento del valore delle fatture di

gennaio.

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*