Attenzione: WikiPharm non ospita più consulti di tipo medico, ma solamente farmaceutico. Le pagine che stai leggendo fanno parte del nostro archivio storico.

Se hai una domanda medica, ti invitiamo a consultare il sito medicitalia.it, nostro partner. Grazie!

entra in WikiPharm

Chiesto da Anonimo_1688 in Colonproctologia

E' possibile espellere la bile tramite feci verdi dopo un forte stress emotivo?

Soffro di colon irritabile e somatizzo tantissimo nell'intestino

Dr. Arturo Sica

Specialista in: Psichiatria,Psicoterapia

Raro ma possibile. La bile è contenuta in una sacchetto di deposito sotto il fegato, detto "cistifellea" o "colecisti", nelle cui pareti si trovano anche gruppi di fibrocellule muscolari che, contraendosi in uno spasmo conseguente ad una intessa esperienza emotiva, possono spingere la bile nel canale intestinale, determinando colorazione caratteristica delle feci. È interessante ricordare che secoli fa (circa 400 anni prima di Cristo) Ippocrate di Coo, nella sua "teoria umorale", aveva chiamato "collera" uno dei quattro umori fondamentali presenti nel corpo umano (la "bile gialla" depositata nel fegato) ed il cui eccesso sarebbe stato causa di un temperamento irascibile e impulsivo. Da qui l'uso del nostro termine "collera" per individuare uno stato adirato della persona.

Attenzione: parere non medico

Anonimo_1688

La ringrazio tantissimo dottore. A me e' successo purtroppo . Dopo l'accaduto il medico di famiglia mi ha dato un farmaci per l'ulcera tamponando il rischio che si fosse formata, ma dopo le analisi per feci non e' risultato sangue occulto. Comunq e' stato un solo episodio ma sto sempre male per il mio intestino. Grazie buon lavoro.

Dr. Arturo Sica

Specialista in: Psichiatria,Psicoterapia

Mi sembra di capire che lei sia consapevole della genesi psichica dei suoi disturbi intestinali ("colon irritabile"!): oltre ai necessari rimedi per la protezione delle mucose, non ha mai preso in considerazione la possibilità di una terapia con psicofarmaci e/o con colloqui psicologici?

Attenzione: parere non medico

Anonimo_1688

Salve dottore. Si mi capita di assumere xanax quando sono nervosa. Ma solo sporadicamente . Non soffro per fortuna di ansia cronica. Lei a cosa si riferisce quando menziona psicofarmaci? Le dico anche che quando sono in un periodo sereno non ho alcun disturbo intestinale. Piuttosto adesso che ho un po' di problemi familiari , ogni sera accusa dolori alle gambe, compreso ginocchi , polpacci e piedi. E' una settimana continua, ed e' coincisa con un forte stress psicologico. Questo mi preoccupa molto perke' ho sentito parlare che in qst situazioni puo ' subentrare la fibromialgia e ho 2 amiche con questa malattia. Lei puo' indirizzarmi su quale specialista puo' aiutarmi a capire cosa sono questi disturbi? Le sono molto grata.

Dr. Arturo Sica

Specialista in: Psichiatria,Psicoterapia

In Italia - dopo la cosiddetta "riforma psichiatrica" il fulcro dell'assistenza territoriale per difficoltà psicologiche e disturbi della sfera psichica è costituito dai Centri di Salute Mentale (CSM). Qui - a carico del SSN - lavorano équipe di medici specialisti (psichiatri) e psicologi, coadiuvati da personale sociale e parasanitario. Forme, come quella che lei lamenta, di carattere definito tecnicamente "somatoforme" (o anche da somatizzazione dell'ansia), sono agevolmente trattabili con un approccio integrato che preveda da un lato un piccolo sostegno farmacologico (in particolare serotoninergici o sostanze a doppia azione serotoninergica e noradrenergica) e dall'altro un adeguato lavoro di tipo psicologico (cognitivo-comportamentale o psicodiamico). In genere il risultato è molto soddisfacente e serve a riorganizzare il proprio modo di affrontare gli stressors esistenziali in maniera più funzionale e che permetta di prevenire nuove ricadute "somatoformi". Per un primo consulto, basta un buon medico specialista in psichiatria, privatamente o nel più vicino CSM.