Attenzione: WikiPharm non ospita più consulti di tipo medico, ma solamente farmaceutico. Le pagine che stai leggendo fanno parte del nostro archivio storico.

Se hai una domanda medica, ti invitiamo a consultare il sito medicitalia.it, nostro partner. Grazie!

entra in WikiPharm

Chiesto da Anonimo_41889 in Cardiologia e Cardiochirurgia

Dilatazione Radice Aortica 45mm

Gentilissimi Dottori buongiorno. Anzitutto desidero ringraziarVi della Vostra cortese ed utile collaborazione che offrite a noi pazienti. Sono un'uomo di anni 39, altezza 178 cm, Peso Kg 86 , Analisi del sangue tutte perfette, senza nessuna patologia medica di rilievo (non ho la sindrome di Marfan ne altre malattie del tessuto connettivo), senza ereditarietà per aneurismi,con esami di Test da Sforzo eseguiti ogni anno, tutti negativi per Ischemia da sforzo. Sono però purtroppo affetto da una gravissima patologia all'Aorta, ossia DILATAZIONE DELLA RADICE AORTICA 45mm. Come sport, da anni Pratico Corsa leggera 3 volte la settimana e lezioni di Aerobica senza utilizzo di pesi in Palestra. Con il presente vorrei richiedervi gentilmente un consiglio/aiuto in merito a questa grave patologia che mi è stata riscontrata (dilatazione della Radice Aortica 45mm)per la quale però io NON accuso nulla, ossia sono completamente asintomatico. Premetto che già nel 1998, da un controllo Ecocardio, mi fu refertata una ectasia di 37/39 mm dell'Aorta (ma non so dire però a quale distretto Aortico si facesse riferimento). Da circa un'anno, sto controllando questo problema relativo alla dilatazione della mia radice aortica, tramite ecocardiogrammi, ma, avendo fatto gli esami presso differenti studi medici, ognuno mi ha refertato delle misure diverse, ossia: *1° esame del 03/2013: 43.3mm *2° esame del 07/2013: 39.1mm *3° esame del 10/05/2014: 40.0mm valore refertato (si trova però nel referto anche un valore di 42.2mm) *4°esame del 16/05/2014: 43.3/44mm L'ultimo Ecocardiogramma Color Doppler eseguito in data 21/05/2014,ha refertato i seguenti parametri: VENTRICOLO SINISTRO : Normale DTD:49mm - SIV:11mm - PP:10mm - FE:60% ATRIO SINISTRO: Normale VENTRICOLO DESTRO: Normale - TAPSE ATRIO DESTRO: Normale AORTA: Dilatazione della Radice Aortica (46mm)per prevalente ectasia del seno di Valsalva DX; normali la giunzione, il tratto ascendente, l'arco e il tratto addominale esplorabile. V.MITRALE: Normale V.AORTICA: Tricuspide, con ectasia del seno di Valsalva DX e Ipolasia del SN DOPPLER: Normale V.TRICUSPIDE: Normale DOPPLER: Normale V.POLMONARE: Normale DOPPLER: Normale PERICARDIO: Normale CONCLUSIONI DILATAZIONI DELLA RADICE AORTICA - Di consiglia completare la valutazione con Angio TC per studio dell'Aorta Toraco-Addominale. Istituire terapia ipotensiva con Bisopropolo 1.25 mg 1 cp mattina e sera. Dopo tale esame ho eseguito l'ANGIO-TAC, di cui scrivo di seguito il referto: Referto : TC Torace (c mdc) Esame eseguito con scanner multistrato (128-strati) durante somministrazione ev a bolo di mdc (90 ml, 400 mgl/ml, @5 mL/sec) con tecnica sequenziale e gating cardiaco prospettico, previa somministrazione di Carvasin sl e di Seloken ev. Valvola aortica con morfologia tricuspide nella fase diastolca studiata. Regolare morfologia, decorso ed opacizzazione dell'aorta toracica, ectasia alla radice aortica e con calibro dei restanti tratti nei limiti;in particolare, l'aorta toracica mostra i seguenti diametri trasversi: -ANULUS VALVOLARE : 29X22 mm -BULBO : 45 mm -GIUNZIONE S/T : 37,5 mm -AORTA ASCENDENTE : 33 mm nel tratto prossimale sovra-giunzionale e 27,5 mm nel tratto distale. -ARCO AORTICO : 23 mm in sede istmica -AORTA DISCENDENTE : 24,5 mm nel tratto prossimale (fuso aortico), 21,5 mm nel tratto medio e 21 mm nel tratto distale. Regolare origine e pervietà dei vasi epiaortici nel tratto prossimale visualizzato. Regolare origine delle coronarie dai rispettivi seni di Valsalva. Dominanza di DX . -CORONARIA DX : Pervia, apprezzabile distalmente sino alla crux ed indenne da stenosi. Pervi ed indenni da stenosi i rami ADP e PLdx. -CORONARIA SN : --Tronco comune: Pervio, breve e biforcato, indenne da stenosi. --ADA : Pervia, apprezzabile distalmente sino all'apice cardiaco ed indenne da stenosi, con breve decorso intramiocardico superficiale nel tratto distale. Pervi ed indenni da stenosi i due rami diagonali. --CX : Pervia ed indenne da stenosi; il vaso termina come MO2,anch'esso pervio ed indenne da stenosi.Pervio ed indenne da stenosi il ramo MO1, con decorso intra-miocardico superficiale nel tratto medio-distale. REPERTI COLLATERALI CARDIACI EXTRA-CORONARICI Aspetto bilaminato del SIA; Ostio Comune delle VVPP di SN. CONCLUSIONI : Ectasia del Bulbo Aortico (45 mm), con restante calibro aortico nei limiti.Opportuno controllo ecografico nel tempo.Circolo coronarico con dominanza DX,con coronarie pervie ed indenni da stenosi. Ora, vorrei gentilmente sapere se posso continuare a praticare sport come lo pratico da anni, senza nessun tipo di problema, ossia, vorrei sapere se posso continuare a fare Jogging tre volte alla settimana e se posso continuare a praticare le lezioni di Aerobica in palestra, senza l'utilizzo di pesi. Sono davvero preoccupato e demoralizzato in quanto mi è stato detto di limitare al massimo le attività sportive (posso solo camminare!!!!) perché sono a rischio di rottura dell'aorta!!Io sinceramente non accuso nulla, non ho mancanza di fiato e mi piacerebbe poter continuare a vivere la mia semplice vita, espletando le attività sportive che da anni pratico insieme ai miei amici. Vi chiedo inoltre, gentili Dottori, se dovessi essere operato, se si potrebbe praticare l'innovativo intervento chirurgico "external aortic root support" , da me individuato tramite una ricerca on-line ma purtroppo praticato solo presso centri ospedalieri europei, ma non italiani. Sperando di avere una risposta, desidero ancora ringraziarVi della cortese attenzione che mi è stata concessa e colgo l'occasione per inviare Distinti Saluti. Aldo Massacesi

Dr. Sergio Felice Musumeci

Specialista in: Cardiochirurgia

La dilatazione della radice aortica isolata di 46 mm di calibro, in presenza di valvola aortica accertata come tricuspide, non costituisce indicazione chirurgica e richiede soltanto follow-up ecocardiografico e angioTC (o angioRM) a cadenza annuale.
È indispensabile uno scrupoloso controllo dei valori di PA ma non vi è alcuna controindicazione all'attività fisica aerobica.